La scienza dell’Antahkarana: scienza della manifestazione e di luce che determina rivelazione e quindi mutamenti.

 

lightbody

La scienza dell’Antahkarana è connessa a tutto il problema dell’energia, soprattutto a quella usata dall’individuo, e alle forze mediante cui si collega ad altri individui o gruppi.
L’energia è la forza che si riversa nell’individuo da qualsiasi direzione, a questa energia è dato il nome di sutratma o filo vitale. Le forze sono tutte le energie che dopo debita manifestazione sono proiettate dall’individuo o dal gruppo in tutte le direzioni e con tutti i momenti possibili.

La scienza dell’Antahkarana è soprattutto la  la luce è sostanza o forma superiore di materia, è la qualità o caratteristica dell’anima e del corpo eterico riflesso di quella. La fusione della luce inferiore con la luce superiore è lo scopo della scienza dell’Antahkarana.

Il corpo di luce eterico o corpo vitale è il risultato di eoni di vita incarnata, un potente serbatoio di energie accumulate attraverso contatti di ogni genere. Il corpo di luce dell’anima è in fase di lenta formazione, mediante cui l’uomo spirituale deve funzionare nel mondo delle anime e che una volta fuso col corpo eterico manifesta la divinità sulla terra; indica l’applicazione della forza e dell’energia da parte dell’individuo nella propria sfera di contatti.

La scienza dell’Antahkarana concerne il problema della continuità di coscienza, quello della vita e della morte; tratta del triplice filo che connette i tre veicoli monade- anima – personalità e unifica i sette principi. Collega i tre mondi della vita umana (la personalità) con gli altri due della espressione sovrumana (la Triade spirituale); l’uomo creativo cosciente e il mondo delle idee, collegando con la luce il mondo delle anime e quello dei fenomeni, la realtà soggettiva con il mondo oggettivo, se stesso con gli altri, i gruppi tra di loro, il quarto con il quinto regno, ed infine, l’umanità e la Gerarchia.

La scienza dell’Antahkarana è la scienza del triplice filo, connette l’individuo alla fonte monadica, filo quale Sentiero e mezzo di contatti, corrente di energia da usare per lo sviluppo interiore e nel servizio del piano.

La scienza dell’Antahkarana insegna alcune verità circa il triplice filo:

  •   Il filo della vita giunge dalla monade ed è ancorato nel cuore.
  •   Il filo della coscienza giunge direttamente dall’anima, ed è ancorato nella testa.
  •   Il filo dell’attività creativa è costruito dall’uomo, è ancorato nella gola ed è la sintesi degli altri

    due fili fondamentali.

    Il filo dell’Antahkarana è triplice e si estende:

  •   Dal corpo fisico all’eterico, andando dal cuore alla milza e da qui al corpo vitale o eterico. Si unisce alla forza proveniente dai petali della volontà del loto egoico.
  •   Dal corpo eterico all’astrale passando dal plesso solare al cuore e da questo al corpo astrale e si unisce alla forza proveniente dai petali dell’amore.
  •   Dal corpo astrale al veicolo mentale passando dal centro ajna al centro della testa e da qui al corpo mentale, captando l’energia degli altri due fili, si unisce alla forza dei petali della conoscenza.

    Quindi la scienza dell’Antahkarana riguarda l’intero complesso delle energie in arrivo, l’impiego e la trasformazione e fusione; riguarda inoltre le energie emesse ed il loro rapporto con l’ambiente, ed è la base della scienza che studia i centri di forza o chakra.

    L’Antahkarana è il filo della coscienza, dell’intelligenza, è l’agente responsivo in ogni reazione senziente in tutte le forme ed è sviluppato dall’anima del Mondo; l’Angelo Solare ripete il processo in relazione alla propria ombra e riflesso, la personalità. Ciò fa parte della sua opera creativa.

    Ma l’essere umano deve divenire creativo a sua volta in senso mentale e deve ripetere il procedimento. Mediante il filo della vita, l’anima crea e riproduce una personalità per cui mezzo agire.
    Con l’Antahkarana l’anima sviluppa senzienza sul piano fisico e in seguito, tramite la meditazione e il servizio, colma il varco fra i tre aspetti: concreto, astratto, intuitivo. Completa in tal modo la creazione del sentiero di ritorno al Centro, che deve correre parallelo a quello di emissione. Infatti l’Antahkarana è il manas inferiore, la via di comunicazione tra la personalità e il manas superiore o anima umana.

Quando l’allineamento è compiuto, l’unificazione completa, l’Antahkarana in via di costruzione la vera natura del Servizio affiora. Il primo effetto dell’afflusso di forza dell’anima è l’integrarsi della personalità e l’unirsi dei tre aspetti inferiori in un solo complesso che serve. L’anima rivela la mossa successiva nell’opera evolutiva alla mente calma e stabile, impartendo idee. Tale è il Piano per l’Umanità. La forza che si riversa nella personalità, dando al servitore la necessaria visione e il senso di potenza che lo mette in grado di collaborare, scende nel corpo astrale o emotivo.

Se riesce a distinguere il Reale dall’irreale, la forza che affluisce inonderà le loro vite di vero amore altruistico e devozione al Piano.
Allora non ci sarà posto per interesse e affermazione personali, né ambizione egoistica.
Se il cuore e la mente operano all’unisono la forza fluente nel servitore ne elettrizza il corpo eterico. Automaticamente il corpo fisico risponde.
( Fonte: http://www.leggieprincipi.it/Altri/Anhthakarana/ScienzaAnthakarana_2.pdf)
Entra anche tu a far parte del gruppo Cammino spirituale su Facebook:https://www.facebook.com/groups/camminospirituale/?ref=bookmarks
U
n abbraccio di Luce, Elisa <3

Questa voce è stata pubblicata in scienza dell’Antahkarana e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *