Fiamma gemella: il nostro specchio perfetto

 

immagine-riflessa

Buongiorno anime in cammino,
ieri stavo leggendo il libro di Jung ” Gli archetipi dell’inconscio collettivo” fino a che sono arrivata al punto in cui Jung, riferendosi ad un sogno, parla dell’acqua che riflette la nostra immagine proprio come uno specchio. Per prima cosa noi vediamo la nostra immagine ma ne siamo spaventati, poiché lo specchio mostra fedelmente ciò che riflette. Ma cosa riflette esattamente? “il volto che non mostriamo mai al mondo, perché lo vediamo per mezzo della persona, la maschera dell’attore. Ma , dietro la maschera c’è lo specchio che mostra il vero volto. Questa è la prima prova di coraggio da affrontare sulla via interiore, una prova che basta a far desistere, spaventata, la maggioranza degli uomini”.
Infatti, quante sono le Fiamme che spaventate da ciò che vedono, si allontanano?
La Fiamma ti mostra il tuo volto, ti toglie la maschera…e questo ti fa sentire nudo, indifeso….fa cadere le tue barriere per un attimo, un attimo che sembra eterno…un’eternità creata dal terrore di vedere tu stesso cosa sei, chi sei, cosa sei in grado di fare e non fare…
Come sostiene Jung , infatti: ” L’incontro con se stessi è una delle esperienze più sgradevoli, alle quali si sfugge proiettando tutto ciò che è negativo nel mondo circostante.”
Ma cosa ci mostra esattamente la Fiamma? essa ci fa vedere con chiarezza la nostra Ombra, ciò che noi temiamo di noi stessi, le nostre difficoltà e le nostre paure, le nostre maschere…ci mostra fedelmente il teatrino della nostra vita, la finzione di ogni atto che compiano durante le nostre giornate, mascheramento che ci dona sicurezza .
La Fiamma ti costringe a guardare in faccia la tua Ombra, il tuo “inconscio personale”. Incarna tutte le caratteristiche di te stesso che tu non sopporti e te le sbatte in faccia con un schiaffo che ti fa venire le lacrime agli occhi, che ti stordisce.
Ma, come scrive Jung ” L’Ombra è parte viva della personalità e vuole vivere con lei sotto qualche forma. Non è impossibile impedirle di esistere con argomenti, né con altrettanti argomenti la si può rendere anodina. Questo problema è estremamente difficile poiché non soltanto mette in causa l’uomo intero, ma gli ricorda al tempo stesso la sua miseria e la sua incapacità” .
Nel caso della Fiamma, essa  mostra l’incapacità di togliere la maschera, di far vedere al mondo il nostro volto senza giudicarci e senza paura del giudizio del mondo.
Incontrando la Fiamma, quindi, incontriamo noi stessi, la nostra Ombra e, in quel momento, quando la nostra anima , completa, si mostra attraverso il Gemello abbiamo solo due possibilità: imparare a conoscere noi stessi per quello che siamo, o continuare a portare la maschera…ma , il Gemello, non si arrenderà..continuerà a mostrarti il tuo vero volto per farti comprendere che tu sei “inseparabilmente questo e quello” , ovvero Luce e Ombra, dove puoi “sperimentare l’altro in te stesso” e l’altro sperimenta te come in io.
La Fiamma di pone su un piatto d’argento l’occasione di perderti in te stesso attraverso di lei. Se la tua coscienza si arrende e , tramite questa tu vedi te stessa nella tua interezza tu potrai vedere il mondo ecco perché dobbiamo sapere chi siamo.
Accettando la nostra Fiamma, accettiamo la parte di noi che rifuggiamo da sempre. Accettando la nostra Fiamma accettiamo noi stessi nella completezza.
La Fiamma è lo specchio che riflette il nostro volto nudo…..
Vi abbraccio forte anime in cammino, Elisa <3

Se hai bisogno di aiuto con la tua Fiamma, scrivimi una mail: elisasilviacoda@libero.it

 

 

Questa voce è stata pubblicata in FIAMME GEMELLE e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *