Ferita da tradimento: cos’è e come riconoscerla

 

ferite-emotive-1024x595

 

 

Molti  di quelli che soffrono di tradimento hanno sofferto perché il genitore di sesso opposto’ non ha mantenuto la  parola’.

Un  bambino può sentirsi tradito ogni volta  che il genitore di sesso opposto non mantiene una promessa o ogni volta che tradisce la sua fiducia.

Sentirsi traditi significa sentirsi abbandonati, delusi, ingannati,  e la fiducia è venuta meno.

Essere fedele significa mantenere i propri impegni, essere leale e colmo di dedizione.

Di una persona fedele ci si può fidare. Ogni volta che la fiducia è distrutta, si può soffrire  per il tradimento.

Questa ferita si risveglia fra i due e i quattro anni, nel momento in cui si sviluppa l’energia sessuale. A questa età si sviluppa il Complesso di Edipo.

Secondo Sigmund Freud, padre della Psicanalisi, ogni bambino, fra i due e i sei anni, si innamora del genitore del sesso opposto, o della persona che svolge questo ruolo. Questo avvenimento spiega il comportamento delle bambine che cercano di sedurre il papà e i maschietti che cercano di sedurre la mamma.

Tutti viviamo questo complesso, ma a gradi diversi.

Una bambina è gelosa se vede il papà  con la mamma e vive il tradimento anche quando viene messa da parte dal padre, in seguito all’ arrivo di un fratellino.

Il bambino vuole il genitore di sesso opposto tutto per sé, senza dividerlo con nessuno.

Ma la mamma ha comunque bisogno di occuparsi anche d’altro, compresi gli altri membri della famiglia. Se la madre ( o il papà) soddisfa tutti i capricci del piccolo, diventandone quasi schiavi, il bambino incomincia credere di poter sostituire il genitore dello stesso sesso, e d’essere in grado di rendere felice la mamma ( o il papà).

I genitori devono aiutare a superare bene questa fase. La mamma deve far sentire senza gelosia, la presenza del papà e che  è importante quanto lei. Lo stesso vale per la bambina.

Il complesso di Edipo è vissuto male quando accade che la madre è troppo possessiva nei riguardi del figlio e il padre nei confronti della figlia.

Il bambino può sentirsi tradito ogni volta  che il genitore di sesso opposto tradisce la sua fiducia.

Quando il bambino incomincia a vivere ripetutamente esperienze di tradimento, si crea una maschera di protezione.                                                        Questa maschera è quella del CONTROLLORE, o di chi ha bisogno di fare continui accertamenti.

Questa maschera, o questo atteggiamento, serve per appurare che gli altri mantengono  i propri impegni, sono fedeli e responsabili.

I comportamenti tipici del controllore, nella fase adulta, sono dettati dalla paura di rivivere la ferita del tradimento.

Fra le maschere relative alle cinque ferite l’esigenza ossessiva del controllo fa alimentare le maggiori aspettative nei confronti degli altri, perché desidera poter prevedere tutto, in modo da tenere le cose sotto controllo e se può continuare a potersi fidare degli altri.

Caratteristiche

Inizio della ferita: fra i due e i quattro anni di età, con il genitore di sesso opposto. Scaturisce dalla violazione della fiducia, nella connessione amore/sessualità e nelle aspettative non corrisposte.

Maschera:  controllore, investigatore.

Corpo: esibisce forza e potere. Nell’uomo le spalle sono più larghe delle anche; nella donna, le anche sono più larghe e più forti delle spalle. Ventre rotondo.

Sguardo: Intenso e seducente. Coglie tutto in un’ occhiata.

Vocabolario: “Hai capito?, Sono capace, lasciami fare da solo, lo sapevo, fidati di me, non mi fido di lui”.

Carattere: si giudica molto affidabile, responsabile e forte. Cerca di essere speciale e importante. Non mantiene gli impegni presi e le promesse, oppure si sforza per mantenerli. Mente facilmente.                                                                   Manipolatore, seduttore, commediante.

Ha molte aspettative. Impaziente, intollerante, tendenza a ripudiare e a rinnegare chi ha sbagliato, a non offrire una seconda chance. Si confida con difficoltà. Non mostra la propria vulnerabilità. Scettico. Ha sbalzi d’umore. E’ convinto di aver ragione, cerca di convincere l’altro.

Ha paura dell’ indipendenza e dell’autonomia. Dà ottime prestazioni per farsi notare

Massima paura:  dissociazione, separazione, rinnegamento.

Alimentazione:  buon appetito; mangia rapidamente. Aggiunge sale e spezie. E’ in grado di controllarsi quand’è occupato, ma poi perde il controllo.

Possibili malattie: malattie che riguardano il controllo e la perdita di controllo, agorafobia, spasmofilia, apparato digerente, malattie che finiscono con il suffisso “-ite”, herpes alla bocca.

( Fonte: http://www.psicologodinunzio.com/le-ferite-dell-animo/#4%29Ferita%20da%20TRADIMENTO)

Se ti sei riconosciuto in queste parole, probabilmente hai la ferita del tradimento. Desideri sanarla? chiamami per info: elisasilviacoda@libero.it

Entra anche tu a far parte del gruppo “cammino spirituale” su Facebook: https://www.facebook.com/groups/camminospirituale/

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in traumi infantili e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *